Certo: l’estate, il mare, gli ombrelloni e i tuffi dagli scogli. Ma anche dietro un viaggio alla scoperta del bello e dell’inaspettato, può nascondersi un’esperienza unica ed indimenticabile. Fino all’11 novembre 2018, sarà esposta al Guggenheim di Bilbao (Spagna) un’antologia delle opere dell’artista portoghese Joana Vasconcelos, dal 1997 ad oggi.

L’artista utilizza diversi elementi ed oggetti della vita quotidiana, per realizzare installazioni spettacolari. E così specchi, elettrodomestici, piastrelle e pentole si trasformano in maschere gigantesche, fiori metallici che aprono e chiudono i loro petali al lento ritmo del caldo estivo e scarpe con tacchi a spillo gargantuesche e rilucenti.

Proprio per questo ci è piaciuto scoprire Joana Vasconcelos: la creatività è saper unire i punti fra loro.

La creatività è visione, poter proiettare nella propria mente l’immagine di una maschera formata da specchi.

 

[btn text=”Scopri la mostra” tcolor=#FFF bcolor=#FF0000 thovercolor=#999 link=”https://joanavasconcelos.guggenheim-bilbao.eus/en/” target=”_blank”]