Telegram è molto di più che una semplice app di messaggistica. Non esiste una versione specifica “business” ma non serve, viste le svariate funzioni di cui dispone di default.

Canali

I canali sono un modo di trasmettere informazioni a un vasto pubblico dentro una chat. Per aprire un canale basta inserire nome, descrizione e immagine. Possono essere pubblici o privati. I canali pubblici possono essere trovati da chiunque, mentre quelli privati necessitano di un link di invito. I canali sono molto utili perché non hanno un limite di persone che possono unirsi e sono completamente gratuiti.

Gruppi

I gruppi funzionano in modo simile ai canali, ma chiunque al loro interno può partecipare alla conversazione. I gruppi possono arrivare fino a 200 mila persone. Telegram mette a disposizione degli strumenti di amministrazione per gestire il tutto e mantenere il controllo. Anche i gruppi possono essere privati o pubblici. Tramite i salvataggi cloud, anche i nuovi membri se hanno il permesso, possono vedere la cronologia della chat precedente al momento dell’iscrizione.

Utenza

Quando consideriamo l’utilizzo di Telegram per il business è importante capire l’utenza presente sulla piattaforma. Su Telegram una buona percentuale del pubblico è under 20, ed in Italia conta circa 13 milioni di utenti. Come già detto in un altro articolo , alcune aziende e ministeri della pubblica amministrazione, hanno scelto di sfruttare Telegram per offerta di servizi, informazioni e campagne pubblicitarie.

Bot

Ci sono due modi in cui usare Telegram per il business. Il primo come già spiegato, è creare gruppi e canali di informazione e discussione. L’altro modo sono i bot. Gli utenti possono interagire con un bot Telegram in due modi distinti. Il primo è inviandogli un messaggio diretto via chat: ogni bot, infatti, ha il suo nome utente e quindi può essere interpellato aprendo una chat specifica con lui. Il secondo modo è quello di usare i comandi in linea. Esistono una serie di comandi che possono essere impartiti ai bot inviando una richiesta tramite il campo di input, digitando “@ + nome del bot” e subito dopo il comando. I bot possono svolgere diverse funzioni tramite la chat. Si possono creare bot adatti ad ogni scopo, ad esempio si possono usare per fornire un servizio di risposta automatica, o inviare uno specifico contenuto in seguito ad una richiesta da parte dell’utente.