Sviluppare la propria presenza online è sempre più importante e oggi tutti sono alla ricerca di una strategia da adottare sui Social Network che si adatti in modo efficiente alla propria attività imprenditoriale. Spesso ci si concentra molto su cosa fare e come utilizzare i Social per migliorare la propria reputazione online. Per iniziare ad aumentare la propria visibilità e creare una presenza stabile ci sono molti consigli e linee guida che spiegano cosa fare, però spesso è bene porre la propria attenzione su ciò che non bisognerebbe fare.

La capacità di gestire i propri canali Social può rivelarsi vincente per la propria attività, e ci sono alcune best practice che indicano la tipologia di contenuti che potrebbero rendere la propria comunicazione inefficace.

Contenuti troppo commerciali

Attuare strategie di conversione sui Social è una buona strategia però è consigliato evitare di pubblicare in continuazione post commerciali. L’attenzione degli utenti rispetto ai nostri contenuti è difficile da mantenere e se ci concentriamo troppo sulla pubblicità potremmo facilmente venire ignorati. Agli utenti piace rilassarsi e divertirsi sui social. Pressarli con troppe informazioni e post promozionali potrebbe rovinare il rapporto che si vorrebbe instaurare con i propri clienti. È bene alternare la tipologia di contenuti che vengono pubblicati, per rendere la propria pagina e la comunicazione più leggera e piacevole.

Meme

Contenuti virali divertenti strappano sempre un sorriso quando si naviga sui Social per distrarsi un po’. Bisogna però fare attenzione a utilizzarli. Bisogna essere consapevoli del tipo di linguaggio che si vuole adottare nella comunicazione, il cosiddetto Tone of voice. Essere coerenti con la tipologia di contenuti che si condivide non sempre è semplice, e a volte cercare di “forzare il divertimento” può portare a spersonalizzare l’immagine della propria azienda. Autoprodurre i contenuti è sempre un buon modo per dare autenticità alla propria pagina.

Hashtag

Contenuti con troppi hashtag possono rendere difficile la lettura del post. Nonostante siano un buon modo per farsi trovare sulla rete, è bene usare con ponderazione gli strumenti che ci danno a disposizione i Social Network. Utilizzare pochi hashtag efficaci e pertinenti può rivelarsi molto più efficace.

Diversi canali, stesso contenuto

Ogni Social Network ha la sua grammatica, le sue regole e peculiarità. Diffondere la stessa tipologia di contenuti su piattaforme differenti potrebbe non risultare produttivo. Su Facebook i contenuti possono essere di vario genere e anche abbastanza lunghi, cosa che non è consigliabile su Instagram, in cui si preferisce l’immediatezza e si punta sull’attrattività delle immagini. Twitter è un canale in cui i microcopy vengono più apprezzati (brevi testi, semplici ed efficaci) e le immagini sono invece poco rilevanti. LinkedIn, come Facebook è molto adatto per pubblicare link che rimandano a siti, articoli o video.

Nonostante questi consigli siano validi a livello generale, è sempre una buona pratica analizzare e capire come si vuole presidiare la propria presenza online. Alcune di queste regole potrebbero risultare inefficienti, ma come è bene ricordare, la personalità vale molto sui Social, per cui andare controcorrente potrebbe rivelarsi la strategia vincente!