“Non avere un profilo LinkedIn vuol dire semplicemente non esistere nel mondo del lavoro”.

Ormai sono molte le aziende che si occupano di fare social recruiting, ovvero che cercano persone dal profilo adatto per la loro attività attraverso i social network. E LinkedIn è il social per il lavoro, quindi il luogo più adatto dove fare questo genere di ricerche.

LinkedIn, è il luogo adatto per tenersi aggiornati sui trend del mercato del lavoro e molto spesso si propone come spazio per offrire molte opportunità formative.

LinkedIn è lo strumento più pratico e immediato per cominciare a familiarizzare con dinamiche tipiche del mercato del lavoro. Ci sono molte buone ragioni per aprire un profilo LinkedIn e cominciare ad aggiornarlo già dai primi anni di scuola superiore o università e quando si è ancora ben lontani dal cercare attivamente lavoro.

Alcuni consigli per LinkedIn:

  • seguire figure chiave, trend setter, guru ed esperti riconosciuti del settore in cui intendono lavorare e da cui possano trarre ispirazione per le proprie carriere.
  • mettersi in gioco, non avendo remore a rispondere alle call for ideas aperte all’interno dei gruppi LinkedIn.
  • condividere post, progetti, elaborati, lavori svolti in ambito scolastico o universitario e con cui cominciare a costruire una sorta di portfolio.
  • Aggiornare costantemente il proprio profilo, aggiungendo skill, corsi, condividendo contenuti di altri e cercando di mostrare quali sono i nostri interessi e cosa siamo capaci di fare.