Restyling del sito web

Il web è un ambiente di innovazione e di evoluzione continua. Ogni giorno vengono introdotte nuove pratiche, metodi e strategie ed è per questo che è necessario chiedersi se il proprio sito web è correttamente allineato con le nuove tendenze della rete.

Sempre più spesso siamo chiamati a fare nuovi aggiornamenti e risulta necessario talvolta effettuare restyling completo del proprio sito. Si tratta di un processo complesso che va attentamente pianificato in ogni suo step perché rappresenta un passaggio particolarmente delicato per ogni azienda, dal momento che rimette inevitabilmente in discussione contenuti, architetture, visual e funzionalità.

DEFINIZIONE DELLA STRATEGIA

La prima fase da considerare quando si avvia il processo di restyling di un sito web è dedicata alla definizione della strategia. Occorre cioè effettuare un analisi delle performance ottenute dal sito attuale: dal numero di visitatori, dal tempo trascorso dagli utenti sul sito, alle conversioni, e i lead generati. Per capire meglio quali parti del sito non funzionano come desiderato, è utile anche interpellare i propri utenti attraverso test di usabilità.

Una volta acquisiti tali dati, si passa a determinare gli obiettivi strategici in base ai quali si ritiene di dover procedere al restyling del proprio sito web: definire il tono della comunicazione, e individuare il target di riferimento. Infine, per una definire in modo accurato la strategia è bene fare un’analisi della concorrenza.

LA PIANIFICAZIONE

La fase successiva è dedicata alla pianificazione. Occorre stabilire quali sono le funzionalità e le peculiarità che si apprezzano dell’attuale sito e in cosa invece risulta mancante. Analizzare le impressioni generate dal target di riferimento e dare affidamento ai dati SEO per valutare il ranking sul web delle proprie pagine è fondamentale. E' bene pianificare attentamente anche lo sviluppo dei contenuti: cosa resta, cosa va via, cosa deve essere riscritto, cosa deve essere ottimizzato in funzione delle call-to-action integrate nel website.

DESIGN, SVILUPPO E OTTIMIZZAZIONE

Dopo un'attenta fase preliminare è possibile poi andare a innovare il design: creare wireframe, mockup, scegliere i materiali visuali e i colori. E' necessario che la grafica del proprio sito sia in grado a comunicare i valori aziendali e risultare coerente con ciò che vogliamo trasmettere.

Oggi semplicità, ordine e pulizia sono i mantra da seguire per la progettazione grafica di un sito efficace. Gli individui si aspettano che gli elementi presenti su una pagina web siano fatti in un certo modo, in base a convenzioni e abitudini alla quale sono legati; per questa ragione bisogna sempre essere in grado di bilanciare la propria creatività con le "regole di usabilità" del web. Un approccio mobile-first (orientato alla navigazione da mobile) può essere un'arma vincente per il proprio restyling.

Alla fase di design segue quella dello sviluppo, che consiste nel rendere operative tutte le scelte in termini di piattaforme, linguaggi di programmazione, contenuti e revisioni. È la volta quindi della fase di ottimizzazione. Durante questo step l’attenzione è focalizzata su aspetti quali integrazione con social e analytics, scelta delle keyword, eventuali redirect, riorganizzazione dei contenuti secondo la nuova gerarchia, validazioni HTML, analisi delle performance, ottimizzazione mobile e l’inevitabile fase di test.

IL LANCIO E L'ANALISI

Una volta completato il restyling è necessario studiare una strategia per comunicare il lancio del nuovo sito. L'ultima fase a seguito del lancio è l'analisi: è importante verificare il corretto funzionamento di ogni componente del sito e analizzare le performances - in termini di volumi di visite, bounce rate, conversioni, comportamento degli utenti. Si tratta di una fase che dev'essere curata nel tempo in modo da avere sempre un quadro completo dell'andamento del proprio sito web.

PARLACI DELLA TUA AZIENDA

OPPURE RACCONTACI IL TUO PROGETTO